Site logo

Trump, costretto a New York da processo-show, dietro c’è Biden – Attualità


(ANSA) – NEW YORK, 11 MAG – “Sono costretto a New York per un processo-show dovuto a Joe Biden”. Lo ha detto Donald Trump attaccando il procuratore di Manhattan Alvin Bragg e citando “esperti legali” secondo i quali “non c’è alcun reato” nel procedimento in corso per i soldi alla pornostar. “Mi perseguitano perché sono candidato alla Casa Bianca e sono avanti” nei sondaggi: i democratici “hanno rubato le elezioni del 2020 e non gli consentiremo di farlo nel 2024”, ha aggiunto Trump. (ANSA).



Originale su L’Adige

Commenti

  • Ancora nessun commento.
  • Aggiungi un commento